Tridente da sogno, il Messina abbatte il Palazzolo

Ragosta, Mascari, Rosafio. Nonostante l’assenza di Yeboah, il tridente del Messina si reinventa con un nuovo giovanissimo interprete: l’attaccante originario di Termini Imerese è il protagonista nella slot centrale, i due esterni conoscono il canovaccio a memoria. Vittima di turno il Palazzolo di Giuseppe Anastasi, travolto per 3-1 nel recupero della 27esima giornata.

Iudicelli vince la concorrenza di Bossa e Cozzolino nel ruolo di mezz’ala, Mascari rileva Stranges nel trio d’attacco. Subito protagonista Rinaldi, strepitoso su Furnò dopo una manciata di minuti. Poco prima del quarto d’ora scatto del Messina con un’azione in velocità di Ragosta: scarico per Rosafio e Mascari trova a porta sguarnita il gol del vantaggio. Il tempo di rimettere in gioco il pallone e gli ospiti agguantano il pareggio con Grasso, lesto ad eludere con Porto la trappola del fuorigioco con la difesa giallorossa sulla linea di centrocampo. Dopo l’assist Rosafio torna protagonista: Lavrendi ascolta i richiami dell’italo-svizzero che, una volta in possesso del pallone, trafigge Ferla con un chirurgico sinistro da fuori area. Ancora Rinaldi sugli scudi su Grasso, mentre Lavrendi manca in più di un’occasione il colpo del k.o.

Giallorossi in controllo del campo nella ripresa. Poche emozioni fino a dieci minuti dal termine, quando il subentrato Stranges innesca Ragosta: dolce pallonetto del “Cobra” e gara in archivio.

MESSINA-PALAZZOLO  3-1

Marcatori: Mascari (M) al 13’, Grasso (P) al 16’, Rosafio (M) al 36’ p.t.; Ragosta (M) al 37’ s.t.

Messina (4-3-3) Rinaldi; Lia, Bruno, Cassaro, Inzoudine (dal 24’ s.t. Manetta); Iudicelli (dall’11’ s.t. Cozzolino), Migliorini, Lavrendi; Rosafio (dal 38’ s.t. Bossa), Mascari (dal 17’ s.t. Stranges), Ragosta. (Meo, Barbera, Bucca, Balsamà, Carini). All. Facciolo (Modica squalificato).

Palazzolo (4-2-3-1) Ferla; Boncaldo (dal 39’ s.t. Riela), Ricca, Gorzlewski, Fichera; Doda, Filicetti; Porto (dal 38’ s.t. Butera), Grasso (dal 28’ s.t. Dezai), Carpinteri (dal 14’ s.t. Pelosi); Furnò (dal 23’ s.t. Piemonte). (Aglianò, Quarto, Raimondi, Mollica). All. Anastasi.

Arbitro: Acampora di Ercolano.

Note: ammoniti Ricca (P), Boncaldo (P), Inzoudine (M), Dezai (P).